Via Senese Romana 132, 50053 Empoli (FI)  0571 931859 - 339 3721258 / Mondo Ramen 347 5445303

Tagged: “collettivo antikunst”

L’orrenda fine del Capitalismo

L’orrenda fine del Capitalismo

Prologo (Limiteresti la tua idea di futuro migliore ad un qualunque Escrivà tumefatto sulla forca?) Il vecchio Progresso, seduto sulla porta di casa, inveisce contro i propri figli prostituiti, nella cripta patriarcale le sue ossa scricchiolano come filigrana elettrica; l’incauta Natura, con piante di stramonio, ne ha vergato l’immacolato crine, dei destini mutilati rimangono ormai […]

Continue Reading
Limite City Blues

Limite City Blues

Le luci fuori dal bar erano già spente da un po’, ma qualcuno continuava ogni tanto ad arrivare. Una rapida consultazione al bancone, gesti furtivi di mani rese scaltre dal bisogno e via, un saluto fintamente cordiale, e così come sono arrivati se ne vanno, veloci, sudati, con le giacche aperte perfino stasera che la […]

Continue Reading
La Visione

La Visione

Il mio primo importante scambio di fluidi e umori genitali con una donna è avvenuto una notte di inizio estate, ai margini di una festa di montanari. Fu una serata inquieta, movimentata, ricordo solo bicchieri da acqua ricolmi di grappa, cappelli con le piume che cadevano continuamente e dei gran polveroni alzati da abbozzi di […]

Continue Reading
Il Bosco Nero

Il Bosco Nero

I – Non conosco dove porta questa strada – , disse il vecchio. – Dicono sia maledetta. Nessuno è mai tornato indietro a raccontare cosa c’è dall’altra parte. Forse l’inferno… – L’apparente placidità del luogo cozzava con quelle parole superstiziose. Tutto era immobile, silente, come in un vuoto d’aria. Ma raschiando via la quiete inerme […]

Continue Reading
Il Grande Vecchio

Il Grande Vecchio

Hanno trovato il cadavere del Grande Vecchio, o almeno quello che ne è rimasto, dopo due mesi. Lo hanno trovato sulla riva di una spiaggia vuota dell’inverno, i brandelli di un corpo che una volta fu intero e offriva da bere al bancone di un bar, ci prendeva a schiaffi da ragazzetti quando si faceva […]

Continue Reading
Depressione Italia

Depressione Italia

Questo Paese è socialmente malato, di una grave patologia psicotica. Che si sta aggravando ulteriormente, visto che nessuno vuole ammetterlo. Proviamo ad elencare alcuni avvenimenti successi negli ultimi tempi: l’istigazione al suicidio di un sedicenne ad opera di sua madre e della guardia di finanza per dieci grammi di fumo; l’irruzione e la carica della […]

Continue Reading
Non esiste un post-referendum

Non esiste un post-referendum

E’ imbarazzante, in questo Paese, salire sul carro dei vincitori, perchè quel carro è sempre affollato di personaggi sgradevoli che non meritano di starci. Quindi, restiamo con i piedi per terra: quella del no non è, dal nostro punto di vista, una vittoria, è soltanto il raggiungimento di un obiettivo, quello di far cadere un governo che […]

Continue Reading
Il sonno di una generazione genera Renzi

Il sonno di una generazione genera Renzi

Toscana: la regione “rossa” per eccellenza, oppure, a seconda dei gusti, “il buco nero della democrazia”, come la definì qualche anno fa un vecchio protettore di prostitute. Terra solcata da vanghe millenarie che, oltre al sudore, ha dovuto assorbire il sangue dei vigliacchi eccidi nazi-fascisti, dai quali nacque una lotta fiera e orgogliosa, e ben […]

Continue Reading
Non dobbiamo aver paura di essere felici…

Non dobbiamo aver paura di essere felici…

Il fatto che non abbia niente da dire, o comunque poco e in maniera sintatticamente elementare, non deriva, almeno in questo preciso momento, da una contingenza soggettiva o da una eccezionale tempesta di emozioni della quale sono in balia. Ha radici più profonde: è stata un’evenienza sempre latente nel mio stato d’animo, un rischio nel […]

Continue Reading
La Fortezza

La Fortezza

La cinta di mattoni sarà stata alta più di duecento metri; orizzontalmente il sole e il vento caldo impedivano di vederne la fine, creando rifrazioni ottiche che sfocavano la prospettiva. La Fortezza era l’unico luogo abitato nel raggio di centinaia di chilometri. Era stata costruita parecchi secoli prima, all’inizio della fine, e risentiva delle ingiurie […]

Continue Reading
Decisioni Drastiche

Decisioni Drastiche

Le lamiere contorte del cofano dell’auto scintillavano ai primi raggi del sole che aveva da poco sormontato gli alberi più alti della brughiera. La rugiada mattutina gocciolava silenziosa da quel ferro informe; un gufo stridulo salutò il nuovo giorno andando a rintanarsi nelle gole rocciose. Donny aprì gli occhi lentamente, quasi come a voler rifiutare […]

Continue Reading
Forze Nuove negli ingranaggi del capitalismo

Forze Nuove negli ingranaggi del capitalismo

La virile sfilata dei fascisti di Forza Nuova nel centro di Empoli, un mercoledì pomeriggio di agosto, ovviamente scortati (come sempre accade in questi casi) dai loro camerati celerini, non va in alcun modo sottovalutata. In primo luogo per la sua eco mediatica: è stata un’evidente operazione di marketing, una trovata pubblicitaria per far conoscere […]

Continue Reading
L’après-midi d’un ivre

L’après-midi d’un ivre

C’è sempre una gran folla di gente il sabato sera in città, tutti che si affrettano verso un posto che reputano davvero importante; i corpi umidicci dell’estate si stropicciano nella calca dei vicoli, congestionandosi come le tante piccole auto di un traffico nervoso. Quando arrivano a destinazione subentra da subito il desiderio di essere da […]

Continue Reading
Donde està mi sendero

Donde està mi sendero

Mi misi in cammino che era una giornata di metà aprile. Non era presto, il sole era già alto e l’aria tiepida. Le eriche stavano fiorendo e spollinavano il loro pulviscolo bianco nella direzione che decideva il vento. Imboccai la Valicarda verso nord, all’altezza delle ultime case dove la via diventa sterrata. Il terreno era […]

Continue Reading
Viaggio in Europa. II – Parigi

Viaggio in Europa. II – Parigi

di Remigio Tristoni, rappresentante della sezione poetica “A. Cravan”, Collettivo Antikunst. II – Parigi I giorni precedenti alla partenza furono un turbinio di emozioni contrastanti, come da tempo non mi accadeva di provare: ad un iniziale entusiasmo per il viaggio e la fascinazione per l’idea dell’avventura, subentrò velocemente lo scompenso razionalizzante della convinzione di una […]

Continue Reading